Retinopatia diabetica

RETINOPATIA DIABETICA: è la complicanza oculare del diabete e nei paesi industrializzati è tra le principali cause di cecità legale nei soggetti adulti. L’iperglicemia danneggia la struttura dei vasi sanguigni predisponendo alla formazione di microaneurismi, microemorragie, ed anomalie del calibro vascolare retinico (IRMA). Tali anomalie, possono portare al passaggio, attraverso le pareti danneggiate dei vasi stessi, di alcune componenti del sangue, (alla base dei fenomeni edematosi ed essudativi) o a ridotta perfusione del tessuto retinico fino ad arrivare ad una completa ischemia (retinopatia diabetica non proliferante). L’occlusione dei capillari retinici e la conseguente formazione di aree retiniche ischemiche è lo stimolo per la formazione di neovasi retinici, che caratterizzano la forma proliferante. Questi vasi sanguigni neoformati, non possedendo una struttura adeguata, possono rompersi facilmente, con il rischio del verificarsi di emorragie pre-retiniche ed endovitreali e distacchi retinici secondari (retinopatia diabetica proliferante). edema maculareNegli stadi precoci, la retinopatia diabetica è generalmente asintomatica. La mancanza di sintomi non è indice però di assenza di microangiopatia retinica diabetica, dal momento che la riduzione della vista, di cui si accorge il paziente, compare solo quando viene interessata la regione maculare (parte centrale della retina). Per prevenire o fronteggiare i danni da retinopatia diabetica è opportuno effettuare periodicamente un controllo oculistico con esame del fondo oculare, mantenere un corretto controllo della glicemia e della pressione arteriosa sistemica. Fondamentale nella diagnosi e classificazione del grado di retinopatia è la fluorangiografia in quanto permette di studiare dettagliatamente le alterazioni morfologiche e funzionali dei vasi retinici fornendo inoltre le indicazioni indispensabili all’eventuale trattamento laser. Molto utile anche la tomografia a coerenza ottica (OCT). I trattamenti possibili nel caso di retinopatia diabetica sono: il laser per ridurre le complicanze della forme proliferante, le iniezioni intravitreali di farmaci anti-vegf per bloccare la formazione di neovasi e la chirurgia vitreo-retinica nei casi più gravi di retinopatia proliferante con emorragie vitreali recidivanti e/o distacco retinico trazionale.

Questo sito utilizza i cookies di terze parti per migliorare servizi ed esperienza dei visitatori. Alla pagina della informativa estesa è spiegato come negare il consenso alla installazione di qualunque cookie. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sui cookie e su come cancellarli, visita la nostra politica sui cookie.

Accetto i cookie da questo sito.